RIARANGIA'
Riarangià
Released by Banksville Records

    

 

 

 Out of stock 

 

This product is temporarly out of stock                


RIARANGIA'

Riarangià nasceva da un’idea artistica di Roberto Sbaratto e Cinzia Ordine, con il pianista Luigi Ranghino, il polistrumentista Paolo Baltaro, il saxofonista Claudio Bianzino, il contrabbassista Stefano Profeta e il batterista Claudio Saveriano. L’idea era quella di omaggiare Vercelli e il suo territorio con la tradizione musicale e letteraria di Vercelli guardata con un occhio nuovo e, in un certo senso, rivisitata. Allora il progetto fu accolto con entusiasmo dal presidente dell’Anffas cittadina, Giorgio Guala, che insieme a Provincia e Comune di Vercelli sovrintese alla realizzazione di un cd il ricavato della cui vendita andò proprio in offerta all’Associazione. In sostanza, il progetto prevedeva di recuperare brani musicali, poesie e testimonianze letterarie del repertorio dialettale vercellese: quelli legati per lo più ai “Celti” e al ricordo di Cesare Filippone, ma anche a Trino, patria fiorente di cantanti, compositori e poeti.Lo spirito “jazzistico” messo in campo dai musicisti, amanti della rivisitazione e della variazione, ha ritradotto ritmicamente canzoni che ancora restano nella memoria di molti: Oh che sità, Oh Signùr, Quand ‘i s’éva giùvu, Il tombarello, Giêubi, Pùvra ‘d rìs, La cà da rat, Ma la vita la gira. I brani musicali sono stati introdotti e, in qualche modo, completati da poesie e prose dei vercellesi Pino De Maria, Elena Carasso, Francesco Leale e del trinese Angelo Varvelli recitate e narrate dalla voce di Roberto Sbaratto, che è anche l’esecutore canoro dei brani musicali.